Archivi categoria: turismo

CASA VACANZE SICILIA

Potrebbe sembrare presto, eh, ma in realtà non è così scontato cercare una casa vacanze Sicilia già a febbraio. E vi assicuriamo che non ve ne pentirete ma proprio per niente!

CASA VACANZE SICILIA, LA LEGGENDA DI PASQUETTA

casa vacanze Sicilia PiscinaPuò sembrare una barzelletta, ma non lo è. Fidatevi. C’è addirittura un intero mercato che si muove in questo senso.

La pasquetta è un momento di convivialità e immensa serenità condiviso con le persone che ami. I primi raggi di sole caldi dopo l’inverno (sempre che non piova) spingono le grandi compagini a porsi quella domanda dalle sfumature drammatiche: “Oh guagliù, ma che facciamo in estate?“.

E’ per questo che le agenzie di viaggio iniziano a lavorare seriamente per il dopo-Pasquetta, i tour operator aspettano quella data per iniziare a proporre i loro pacchetti, finanche le fiere di settore ne tengono conto.

Per questo alcune strutture abbastanza note per chi vuole fare vacanze mare, come le casa Vacanze Sicilia Casa Imbastita Relax Living e Casa Saracena, nella perla di Scicli, andrebbero prenotate molto, ma molto tempo prima! Ma anche le strutture più modeste e umili, rischiate di trovarle a prezzi esorbitanti o completamente occupate.

Una pianificazione in tempi insospettabili vi fornisce un grande vantaggio rispetto a tanti altri, soprattutto se volete visitare la bellissima Val di Noto, un luogo incantevole con otto comuni che sono patrimonio Unesco, la più importante testimonianza del Barocco in Italia e in Europa immersa nella splendida Sicilia. Il mare e le straordinarie architetture barocche risalenti al post-sisma (1700/1800). Scicli, con Ragusa, Noto, Modica e tanti altri luoghi sono scrigno di un tesoro inestimabile tra vallate e montagne, tra ponti e mare. Il mediterraneo italo-africano ai piedi, e accenni della dominazione saracena dell’isola in qualche angolo e in qualche struttura (parliamo dell’anno 1000 d.C. circa).

Non aspettare la Pasquetta per programmare la tua vacanza estiva.

I PRESEPI NAPOLETANI DI SAN GREGORIO ARMENO

presepio napoletano san gregorio armeno
Natività

Se Napoli è diventata meta di turisti da ogni parte del mondo che soggiornano in hotel Piazza Garibaldi e da lì iniziano la visita della città, il merito nelle festività natalizine non può non essere riconducibile ai pastori e i presepi napoletani di San Gregorio Armeno che da anni attraggono turismo su turismo.

Non solo presepi nel ventre di Napoli. Nelle chiese di San Gregorio Armeno ci sono tesori e perle di storia. Come dimenticare che ad esempio c’è un raro esempio ben tenuto di ruota degli esposti.  Qui venivano lasciati i bambini dai genitori che non potevano tenerli. E’ da questa denominazione che deriva il cognome ESPOSITO diffusissimo a Napoli. O ancora la magnifica chiesa di San Gregorio dove è ancora conservato il teschio del santo di origine armena. Da Wikipedia:

Le reliquie del santo vennero portate inizialmente nel villaggio armeno di Tharotan, ma in seguito si sparsero in varie locazioni, la sua mano destra si troverebbe a Etchmiadzin e con essa viene benedetto ogni nuovo Katholikos, quella sinistra a Sis. Il cranio si trova a Napoli nella chiesa di San Gregorio Armeno, trasportato da Costantinopoli per sottrarlo alla furia iconoclasta. È inserito in uno splendido reliquiario in argento di manifattura napoletana, commissionato nel 1788 dalla badessa Anna Maria Ruffo.[1] È venerato come patrono principale nella città di Nardò in seguito al miracolo del 20 febbraio 1743, in seguito a un terribile terremoto.

presepi napoletani
Presepe Napoletano (courtesy of ECAMPANIA.it)

Però, il fascino di San Gregorio Armeno e San Biagio dei librai è racchiuso nella nobile arte presepiale. Scesi a Piazza Garibaldi o con un hotel Piazza Garibaldi vicino alla metropolitana piazza Garibaldi, non ci vuole molto per raggiungere a piedi il cuore della via dei pastori. I presepi napoletani esposti tra caldarroste e incenso dei vicoli del ventre di Napoli, realizzati dalle sapienti mani dei maestri artigiani presepai, affascinano e rapiscono i turisti. Per assurdo, questo periodo diventa quasi proibitivo perché i vicoli sono davvero affollati. Gli albergatori suggeriscono di andarci la mattina prestissimo, quando le botteghe iniziano ad aprire.

HOTEL PIAZZA GARIBALDI AL CENTRO DEL DIBATTITO

dss
Luigi De Magistris, sindaco di Napoli
Massimo Giletti, conduttore de l'Arena
Massimo Giletti, conduttore de l’Arena

Hotel Piazza Garibaldi si sono trovati protagonisti secondari della querelle tra il noto conduttore Massimo Giletti de L’Arena e il comune di Napoli guidato da Luigi De Magistris.

La Giunta comunale di Napoli ha approvato una delibera con la quale si dà mandato all’Avvocatura del Comune di querelare per diffamazione Massimo Giletti e la trasmissione di Rai Uno «L’Arena». Lo si apprende da una nota diramata dall’amministrazione partenopea guidata dal sindaco Luigi de Magistris. Con la delibera si affida all’ Avvocatura di Palazzo San Giacomo il compito di presentare querela e di chiedere un risarcimento danni milionario da destinare al miglioramento dell’igiene urbana cittadina.

hotel piazza garibaldi
Piazza Garibaldi (courtesy of CampaniaTour.it)

Restando fuori dal dibattito politico, difatti, resta da dire che Piazza Garibaldi non è più quella di un tempo. Certo, c’è ancora tanto lavoro da fare, ma gli albergatori della zona possono essere felici della nuova primavera. Anche il turismo a Napoli riesce a vedere l’intera zona di Piazza Garibaldi come un luogo dove soggiornare felicemente e a costi variabili, ma relativamente contenuti.

Molto è merito anche dell’apertura della Metropolitana. La stazione metropolitana Napoli Piazza Garibaldi, appartenente alla premiatissima linea 1, rende la piazza il principale hub di connessione di trasporti napoletano, con la connessione tra metropolitana, stazione Centrale e linee autobus Anm. Ma non solo, il lavoro di riqualificazione è costante.

Sono tantissimi gli hotel piazza Garibaldi che si propongono come prima tappa della scoperta della città di Napoli e che stanno generando lavoro per tantissimi. Del resto, è in effetti semplice, ora, spostarsi dalla zona della stazione al resto della città, anche se restano nevralgicamente scoperti alcuni quartieri come Pianura o Soccavo.

L’Hotel Nuovo Rebecchino sulla sua pagina Facebook ha postato delle belle foto della piazza chiedendo ai suoi affezionati clienti se in effetti è così nel degrado. Le immagini parlano abbastanza chiaro…