Archivi categoria: cuscinetti

Kit distribuzione, quali componenti utilizzare

Il kit distribuzione, come tanti strumenti diversi che trovano la loro collocazione all’interno di quelli che sono gli attrezzi più utili nel caso di malfunzionamenti, è essenziale nel momento in cui un possessore di un veicolo voglia sentirsi davvero sicuro e garantito quando affronta la strada. La sicurezza personale è importantissima, ma lo è altrettanto anche la sicurezza che si deve tenere sotto controllo per gli altri. Infatti, al momento di un eventuale malfunzionamento in corso, un veicolo potrebbe perdere il controllo e causare danni a se stessi ma anche e soprattutto agli altri. Proprio per questo è fondamentale far sì che le automobili siano sempre messe a posto e che tutto sia davvero funzionante. Quello che è importante quindi è anche chiedere al meccanico di controllare ogni possibile elemento di disturbo nella propria auto, anche magari con una certa insistenza, se si pensa sia il caso.

Kit distribuzione, gli elementi da controllare

La cinghia di distribuzione è un elemento fondamentale per il sistema di trasmissione dell’auto, che va verificato secondo queste variabili: ogni 20.000 chilometri deve essere sostituita, altrimenti potrebbe rompersi e creare un problema davvero invalidante. Nessuno infatti ama che si fermi la macchina da un momento all’altro soprattutto se durante un tratto da fare. Questo tipo di problematica infatti ha un impatto devastante sulla macchina che viene stoppata subito senza preavviso. Ci si può quindi trovare nei guai, se non si fanno i giusti controlli al momento opportuno utilizzando il kit distribuzione. Fondamentale è quindi innanzitutto ricordarsi che si può incorrere in questo problema e poi chiedere di verificare al meccanico lo stato della cinghia. Nel caso in cui questi accerti che non è sicuro muoversi con l’auto, se da un lato ci sarà un esborso da affrontare, dall’altro ci si potrà rendere subito conto di quanti problemi e danni eventuali si evitino con questa semplice accortezza.

Ralle a tre anelli: come utilizzarle

Ralle a tre anelli sono una tipologia di ralle, che secondo la definizione di Wikipedia, a loro volta sono “un tipo di cuscinetto assiale per impieghi a bassa velocità di rotazione e alto carico assiale. La costruzione può essere a una o più corone di sfere, oppure a una o più corone di rulli. Oltre al carico assiale, a seconda del tipo, può sopportare anche momento flettente e/o carico trasversale. Può essere costruita con corona dentata interna, esterna o senza corona dentata”.

Il cuscinetto poi è esso stesso “costituito da due anelli di diverso diametro detti ralle, tra i quali sono posizionati gli elementi principali ai quali è affidata la funzione di:

  • Supportare l’elemento ruotante
  • Ridurre l’attrito di rotazione
  • Preservare la sede di rotazione
  • Ridurre il pericolo d’intrusione di polvere e detriti nelle aree di lavoro delle sfere”

come ancora è scritto su Wikipedia.

Ralle a tre anelli: la soluzione per problematiche industriali

ralle a tre anelliLe ralle a tre anelli possono rappresentare una soluzione molto utile a tutta una serie di problematiche meccanico- industriali, che possono essere, invece,  essere risolte con gli opportuni accorgimenti. Ad esempio, queste possono “semplificare” una struttura costituita da un basamento su cui viene genericamente fissata una ralla per il movimento della stella e l’albero centrale con doppio cuscinetto per permettere il movimento della stella secondaria ad inseguimento. Per rendere più efficiente il tutto, così, può essere inserita una ralla a tre anelli fissandola alla struttura metallica. L’anello dentato esterno in  questo modo guida il movimento della stella primaria mentre l’anello dentato interno così guida il movimento della stella secondaria. I vantaggi risultanti dall’introduzione di ralle a tre anelli dunque possono essere svariati ma i principali: eliminare il doppio centraggio (ralla + albero) razionalizzando l’operazione di lavorazione meccanica del basamento e ridurre il più possibile i costi di produzione.