Archivi tag: napoli

PROFUMI LOW COST

I profumi low cost sulla brochure di Equivalenza ci invitano a pensare che Natale non è mai passato! Sfogliano la brochure ci rendiamo conto che i saldi rendono Gennaio magico quasi quanto Natale, per chi come noi de L’Annuncino è sempre alla ricerca del prezzo migliore e del miglior rapporto qualità/prezzo. Una linea basata sull’amore… e sulla dolcezza e complicità!

I profumi low cost sono un’ottima idea regalo, prova Equivalenza a Napoli.

profumi low-cost brochure
il volantino Equivalenza Napoli

La brochure digitale ospitata da Damad.it contiene difatti un sacco di belle idee regalo. Non solo stupende fragranze appartenenti alle più svariate famiglie olfattive, ma anche profumatori d’ambiente, prodotti biologici, insomma, tutto il necessaire per una vita più profumata!

A proposito di necessaire, abbiamo trovato molto molto conveniente tra le offerte profumi la confezione a 40 euro circa (un pochettino pochettino di più), che può essere un bel regalo per una coppia, da farsi da soli per sé stessi e per il tuo lui/lei. Due profumi, due shower gel, creme corpo e dopobarba. Offerta romantica, ideale per un san Valentino profumato e profumoso di coppia (magari abbinata a una doccia bollente…) è il basic pack, leggermente più economico ma altrettanto elegante.

Sempre in tema d’amore (si avvicina San Valentino…) esiste una linea “I LOVE” a partire da 8 euro, formule arricchite con estratto di fiore di cotone (delicatissimo!) e olio di mandorle dolci (dolcissimo!). Un set schiuma doccia + soufflé esfoliante per il corpo + burro corpo per un’esperienza dolcissima, che richiama appunto la dolcezza e le coccole dell’amore.

E per la serata romantica? Stesso punto vendita (via Chiaia o via Cilea), idea diversa: candele aromatiche d’ambiente? Ci sono! Candele profumate? Anche! Profumo per ambiente, mikado per ambiente, deo per ambiente in 13 essenze… Non c’è altro da aggiungere, scegliete il vostro romantico regalo in uno degli store Equivalenza a Napoli.

SALDI, PROFUMI LOW-COST E VESTITI

Scegliere Profumi low-cost, vestiti al 50% di sconto, spese che non si sono affrontate a Natale. I saldi a Napoli sono partiti decisamente in sordina, come del resto capita da qualche anno a questa parte. Repubblica Napoli raccoglie un po’ di stime per questo gennaio 2016, a partire da quelle quasi drammatiche di Federconsumatori Campania. In un’intervista il presidente Rosario Stornaiuolo parla di una spesa media di 143 € a famiglia, con solo il 38 percento di queste disposte a spendere in periodo di saldi, e elenca alcuni importanti trucchi per evitare raggiri in questo periodo: diffidare da percentuali di saldo troppo alte, mai comprare senza l’esatta indicazione di prezzo originale e scontato sul cartellino del prodotto, ricordare che la merce in saldo (parliamo di abbigliamento) può essere cambiata, e soprattutto che in saldo si può pagare con POS e carta di credito.

Confesercenti non è diversamente scettica: secondo il centro studi dell’associazione degli esercenti a poter comprare in saldo saranno solo chi in famiglia porta due stipendi e ha almeno un figlio a carico, mentre ad avere un po’ più di fiducia sono gli outlet che in lieve controtendenza rispetto al dettaglio fanno registrare una buona affluenza.

Insomma, restano ancora un lontano e sbiadito ricordo le file all’esterno delle boutique di questi tempi. Per non rinunciare allo shopping, ci permettiamo di darvi qualche utile consiglio…

VADA PER I PROFUMI LOW-COST ALLORA!

Un pacchetto regalo natalizio di profumi low-cost Equivalenza, con un po' di fortuna potete trovarne ancora qualcuno in questi periodi di saldi
Un pacchetto regalo natalizio di profumi low-cost Equivalenza, con un po’ di fortuna potete trovarne ancora qualcuno in questi periodi di saldi

Un’idea è quella di non inciampare nella griffe di lusso con costi insostenibili per i più. Per chi vuole regalarsi un’essenza, ad esempio, le offerte sono tante: da Equivalenza Napoli, ma anche Equivalenza Aversa e Equivalenza Castellammare, puoi portare via in saldi con una manciata di euro un profumo della stessa famiglia olfattiva di quelli più blasonati e di altrettanta qualità.

Profumi low-cost, ma lo stesso discorso vale anche per i capi di abbigliamento, anche se in questo caso bisogna tenere bene a mente che la qualità si paga. Non per questo non è possibile trovare a buoni prezzi capi d’abbigliamento importanti. Il maxistore è garanzia di correttezza, ma in questo caso l’offerta migliore la si potrebbe trovare proprio nel negozio sotto casa.

I PRESEPI NAPOLETANI DI SAN GREGORIO ARMENO

presepio napoletano san gregorio armeno
Natività

Se Napoli è diventata meta di turisti da ogni parte del mondo che soggiornano in hotel Piazza Garibaldi e da lì iniziano la visita della città, il merito nelle festività natalizine non può non essere riconducibile ai pastori e i presepi napoletani di San Gregorio Armeno che da anni attraggono turismo su turismo.

Non solo presepi nel ventre di Napoli. Nelle chiese di San Gregorio Armeno ci sono tesori e perle di storia. Come dimenticare che ad esempio c’è un raro esempio ben tenuto di ruota degli esposti.  Qui venivano lasciati i bambini dai genitori che non potevano tenerli. E’ da questa denominazione che deriva il cognome ESPOSITO diffusissimo a Napoli. O ancora la magnifica chiesa di San Gregorio dove è ancora conservato il teschio del santo di origine armena. Da Wikipedia:

Le reliquie del santo vennero portate inizialmente nel villaggio armeno di Tharotan, ma in seguito si sparsero in varie locazioni, la sua mano destra si troverebbe a Etchmiadzin e con essa viene benedetto ogni nuovo Katholikos, quella sinistra a Sis. Il cranio si trova a Napoli nella chiesa di San Gregorio Armeno, trasportato da Costantinopoli per sottrarlo alla furia iconoclasta. È inserito in uno splendido reliquiario in argento di manifattura napoletana, commissionato nel 1788 dalla badessa Anna Maria Ruffo.[1] È venerato come patrono principale nella città di Nardò in seguito al miracolo del 20 febbraio 1743, in seguito a un terribile terremoto.

presepi napoletani
Presepe Napoletano (courtesy of ECAMPANIA.it)

Però, il fascino di San Gregorio Armeno e San Biagio dei librai è racchiuso nella nobile arte presepiale. Scesi a Piazza Garibaldi o con un hotel Piazza Garibaldi vicino alla metropolitana piazza Garibaldi, non ci vuole molto per raggiungere a piedi il cuore della via dei pastori. I presepi napoletani esposti tra caldarroste e incenso dei vicoli del ventre di Napoli, realizzati dalle sapienti mani dei maestri artigiani presepai, affascinano e rapiscono i turisti. Per assurdo, questo periodo diventa quasi proibitivo perché i vicoli sono davvero affollati. Gli albergatori suggeriscono di andarci la mattina prestissimo, quando le botteghe iniziano ad aprire.

DUE GIORNI DI PROFUMO LOW COST

E’ stato un successo, a Napoli, la due giorni di profumi low cost a due euro appena passata. Il franchising Equivalenza nelle scorse ore ha lanciato una promo balzata agli onori della cronaca come “ammazzacrisi”.

il banner della pagina di <a href="https://www.facebook.com/equivalenzanapoli/" target="_blank">profumo low cost Equivalenza Napoli</a>
il banner della pagina di profumo low cost Equivalenza Napoli

Lo confermano del resto i buoni numeri registrati da Equivalenza Napoli  (via Cilea e via Chiaia) e Equivalenza Castellammare, grazie anche a una promozione incessante sulle rispettive pagine social.

Del resto, i presupposti c’erano davvero tutti, come è intuibile dal comunicato stampa diffuso dagli store di Napoli e provincia per promuovere l’offerta:

profumo low cost espositori Equivalenza
gli scaffali pieni di profumi low cost di Equivalenza Napoli

“I segnali positivi, nel comparto economico, arrivano da più parti: dati Istat, percezione di un rinnovato potere d’acquisto da parte delle famiglie, rassicurazioni dello Stato e parole d’ottimismo del Governo. Ci siamo chiesti, allora: perché non far tornare nella busta della spesa il profumo?”. Queste le parole di Paola Erminio, titolare dei due punti vendita di Equivalenza Napoli, a via Chiaia e via Cilea: “Purtroppo, resta alta la diffidenza del consumatore, soprattutto quello napoletano che ritiene ancora di dover escludere dai suoi acquisti tutta una serie di generi ritenuti accessori. E’ per questo che con campagne del genere puntiamo prima di tutto a fornire un servizio al cliente vessato, dall’altro a promuovere la vendita di un prodotto che tanto di nicchia non è”.

Iniziative del genere interessano non solo il cliente, ma anche le associazioni dei consumatori. Come ad esempio quella di Federconsumatori Campania: queste le parole del presidente dell’associazione dei consumatori Rosario Stornaiuolo.

“In questo periodo di crisi profonda, che stringe ancora il cappio al collo dei napoletani, iniziative del genere, volte a favorire i cittadini consumatori, sono sempre apprezzabili e di esempio per tutti gli imprenditori del territorio”.

ACIIEF, LEZIONI DI TATUAGGI DAL “GRANDE FRATELLO”

Tattoo PiumaACIIEF ha un maestro di eccezione per gli allievi del corso di formazione professionale per tatuatore: Ciro Mazzacane, uno dei maestri tra Napoli e Campania, soprannominato il tatuatore del Grande Fratello.

LEZIONI DI TATUAGGIO E PIERCING DI CIRO MAZZACANE : CLICCA QUI PER IL MODULO DI REGISTRAZIONE.

il logo del programma
il logo del programma

Perché questo nomignolo? Perché alcuni degli ospiti che sono entrati nella Casa più famosa della televisione hanno deciso di imprimere sul proprio corpo un ricordo, un’idea, una filosofia e si sono affidati alle sapienti mani di Ciro Mazzacane. Ora, Mazzacane, come un buon maestro, proverà a trasferire un po’ della sua bravura ma soprattutto della sua professionalità  agli allievi di ACIIEF.

Si legge da http://www.corsi-aciief.it, il portale che la scuola di formazione ha destinato alla presentazione dei corsi:

Non solo questo, però. Fare tatuaggi è un’arte ma che richiede determinati livelli di sicurezza e di igiene. Avere a che fare col corpo di una persona richiede determinate competenze che i maestri di ACIIEF mettono a disposizione dei propri allievi. Una bravura e degli standard di qualità che hanno permesso alla boutique Mazzacane, di casa a sant’Anastasia, di imporsi a livello nazionale, fino a far diventare Ciro, appunto, il “tatuatore del Grande Fratello”!!!

Infatti, Mazzacane è diventato famoso per aver impresso sul corpo di grandissima parte dei partecipanti del famoso reality show i loro tatuaggi. Merito di un talento fulgido ma anche di tanto impegno e passione, che hanno permesso a Ciro Mazzacane di realizzare tattoo come questi:

Tattoo San PioTattoo GiarrettieraTattoo Astratto Spalla

CHI E’ IL TECNICO ACCOGLIENZA SOCIALE

Aiutare il prossimo, a volte, è un’attitudine. Spesso una necessità primaria dell’individuo. Quante volte abbiamo pensato – magari senza proseguire nell’intenzione – di aiutare il prossimo facendo volontariato o avvicinandoci al terzo settore?

Pochi ricordano, però, che questo può essere un lavoro e – essendo delicato – richiede anche una certa professionalità.

I PERCORSI FORMATIVI

Mano sul cuoreUna scuola di formazione può fornire gli strumenti necessari per affrontare la sfida del lavoro nel terzo settore. Il primo approccio con la persona che ha bisogno di supporto è rappresentato da una vera e propria figura professionale: il Tecnico Accoglienza Sociale. Una figura che differisce da chi si occupa di assistenza sociale, specializzata proprio nel primo contatto con tossicodipendenti, ludopati, insomma chi vive una situazione disagiata. Spesso è proprio l’approccio a essere fondamentale per determinare un successo nel recupero della persona in difficoltà.

COSA DEVE SAPER FARE UN TECNICO ACCOGLIENZA SOCIALE NAPOLI

Le linee guida di cosa deve saper fare un Tecnico Accoglienza Sociale Napoli le fornisce bene la scuola di formazione ACIIEF leader in Campania. Ecco un breve sunto tratto dal loro sito.

i corsi di formazione nel sociale promossi da Aciief
i corsi di formazione nel sociale promossi da Aciief come ad esempio Tecnico accoglienza sociale Napoli

Operatore di primo contatto con l’utenza: è in grado di recepire le istanze dell’interlocutore e di fornire la prima risposta di carattere generale, di informare ed orientare verso altre figure professionali o altri servizi. Svolge una funzione di “filtro”. Ha competenze per effettuare una prima analisi dei bisogni e delle richieste della persona e per fornire aiuto e supporto nella individuazione delle scelte più appropriate per la risoluzione del problema o il soddisfacimento di un bisogno.

Putting Money Into  the Slots
Putting Money Into the Slots (la ludopatia è uno dei problemi più sentiti da chi si rivolge al Tecnico Accoglienza Sociale Napoli)

Ha spiccate capacità relazionali e comunicative. L’operatore dell’accoglienza sociale svolge funzioni di: – accoglienza – informazione e orientamento presso sportelli informativi – “filtro” verso altri operatori che operano nello stesso servizio o di rinvio presso altri servizi della rete territoriale – “osservatorio privilegiato” dei bisogni e delle richieste di aiuto. L’operatore dell’accoglienza sociale opera in stretta collaborazione con altre figure professionali e con i servizi del territorio.

DOVE SI TROVA LAVORO?

il direttore di Aciief Luca Lanzetta
il direttore di Aciief Luca Lanzetta

Come ricorda sempre ACIIEF Scuola di Formazione professionale sul suo sito: “L’operatore dell’accoglienza sociale è impegnato in istituzioni pubbliche e private in cui si svolgono attività di accoglienza, prima informazione, orientamento:
– Sportelli informativi di settore
– Servizi residenziali e semiresidenziali
– Servizi di supporto familiare
– Servizi socio-educativi per l’infanzia e l’adolescenza
– Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) – Informagiovani”.

Ed entrare nel pubblico, si sa,è sempre un’ipotesi ben gradita.

Arte e moda insieme, il Made in Italy di Rovirò

Indossare una tela. Vestire jeans e scarpe impreziosite da opere di arte contemporanea. O abbinare la pochette col quadro appeso in parete. L’idea di esportare le opere dal loro luogo d’esposizione consueto, farle “vestire”, è venuta a Roberto Rovirò.

DA GRANDE VOLEVO FARE L’AVVOCATO…

Dalle aule del tribunale all’arte contemporanea. Rovirò, all’anagrafe Roberto Mosella, ha rinunciato a una carriera prestigiosa perché, come confessa al quotidiano Il Mattino, “tra le scartoffie proprio non ci so stare”. A dare soddisfazione all’artista, come lo stesso afferma nell’intervista rilasciata al giornalista Oscar De Simone, è “la felicità di chi sorride davanti alla sua opera”. Idee geniali, arte contemporanea pura, ma anche lavori su commissione. “Chi mi viene a trovare – ci racconta Rovirò – può tranquillamente espormi la sua idea. A me resta  farla diventare un’opera d’arte”.

Roberto Rovirò al lavoro nel suo studio di via Nicolardi, a Napoli
Roberto Rovirò al lavoro nel suo studio di via Nicolardi, a Napoli

MADE IN ITALY AL 100 %

Rovirò è fiero, fierissimo del suo Made in Italy. “In questi tempi – afferma – anche prodotti al 60 percento stranieri sono spacciati per Made in Italy. Io per le mie opere utilizzo solo prodotti di altissima qualità completamente realizzati in Italia”. I prodotti Rovirò sono pezzi unici, vere e proprie opere d’arte che vengono ideate a Napoli e esportate in tutto il mondo. Ed è proprio all’ombra del Vesuvio, nel suo studio – a sua volta opera d’arte – di via Nicolardi, che Rovirò lavora. Un rapporto non sempre facile, quello di Roberto con la sua città, che però nel tempo si è trasformato in una relazione che si può riassumere con il motto “cuore a Napoli, testa nel mondo”.

ARTE CONTEMPORANEA SU TUTTI I CAPI D’ABBIGLIAMENTO

“Rovirò indossa l’arte” è il motto scelto da Roberto Rovirò ed è quello che incarna la sua peculiarità che gli è valsa riconoscimenti nel settore e da parte di tanti critici d’arte.  L’arte contemporanea su vestiti, scarpe e borse, ma non solo…

Particolare dello studio Rovirò di via Nicolardi a Napoli
Particolare dello studio Rovirò di via Nicolardi a Napoli
La creatività di Rovirò tra tele e portachiavi
La creatività di Rovirò tra tele e portachiavi
Scarpe e tele di Rovirò. Stile e eleganza, e tanta arte.
Scarpe e tele di Rovirò. Stile e eleganza, e tanta arte.
Dalle cover dei cellulari ai portachiavi. Tutto può funzionare per portare l'arte indosso con Rovirò
Dalle cover dei cellulari ai portachiavi. Tutto può funzionare per portare l’arte indosso con Rovirò
Scarpe da donna in stile Rovirò
Scarpe da donna in stile Rovirò