Archivi tag: natale

I PRESEPI NAPOLETANI DI SAN GREGORIO ARMENO

presepio napoletano san gregorio armeno
Natività

Se Napoli è diventata meta di turisti da ogni parte del mondo che soggiornano in hotel Piazza Garibaldi e da lì iniziano la visita della città, il merito nelle festività natalizine non può non essere riconducibile ai pastori e i presepi napoletani di San Gregorio Armeno che da anni attraggono turismo su turismo.

Non solo presepi nel ventre di Napoli. Nelle chiese di San Gregorio Armeno ci sono tesori e perle di storia. Come dimenticare che ad esempio c’è un raro esempio ben tenuto di ruota degli esposti.  Qui venivano lasciati i bambini dai genitori che non potevano tenerli. E’ da questa denominazione che deriva il cognome ESPOSITO diffusissimo a Napoli. O ancora la magnifica chiesa di San Gregorio dove è ancora conservato il teschio del santo di origine armena. Da Wikipedia:

Le reliquie del santo vennero portate inizialmente nel villaggio armeno di Tharotan, ma in seguito si sparsero in varie locazioni, la sua mano destra si troverebbe a Etchmiadzin e con essa viene benedetto ogni nuovo Katholikos, quella sinistra a Sis. Il cranio si trova a Napoli nella chiesa di San Gregorio Armeno, trasportato da Costantinopoli per sottrarlo alla furia iconoclasta. È inserito in uno splendido reliquiario in argento di manifattura napoletana, commissionato nel 1788 dalla badessa Anna Maria Ruffo.[1] È venerato come patrono principale nella città di Nardò in seguito al miracolo del 20 febbraio 1743, in seguito a un terribile terremoto.

presepi napoletani
Presepe Napoletano (courtesy of ECAMPANIA.it)

Però, il fascino di San Gregorio Armeno e San Biagio dei librai è racchiuso nella nobile arte presepiale. Scesi a Piazza Garibaldi o con un hotel Piazza Garibaldi vicino alla metropolitana piazza Garibaldi, non ci vuole molto per raggiungere a piedi il cuore della via dei pastori. I presepi napoletani esposti tra caldarroste e incenso dei vicoli del ventre di Napoli, realizzati dalle sapienti mani dei maestri artigiani presepai, affascinano e rapiscono i turisti. Per assurdo, questo periodo diventa quasi proibitivo perché i vicoli sono davvero affollati. Gli albergatori suggeriscono di andarci la mattina prestissimo, quando le botteghe iniziano ad aprire.

RICETTE STELLATE DA SCUOLA DI CUCINA

Possiamo annunciare in anteprima che sul canale Youtube della scuola di cucina Med Cooking School nelle prossime settimane la chef stellata Antonella Ricci svelerà una serie di ricette con ingredienti tipici della Puglia per un Natale diverso a tavola.

L’occasione è stata data dal corso per appassionati “Vigilie” che, oltre a tanti curiosi, ha ospitato anche una troupe televisiva con lo scopo di fornire quattro ricette, una a settimana, che accompagneranno gli appassionati di cucina fino a Natale.

funghi cardoncelli lezione scuola Cucina Med Cooking School
Funghi Cardoncelli

La scuola di cucina difatti ha promosso tre lezioni per altrettanti pranzi del periodo natalizio: Vigilia, Natale e San Silvestro. Piccoli suggerimenti con tanti ingredienti stagionali cucinati in maniera impeccabile. Vere e proprie delizie che i corsisti hanno avuto modo di assaggiare in anteprima.

Cosa scopriremo nei prossimi giorni? Non vi anticipiamo tutto per non rovinarvi la sorpresa… di sicuro possiamo dirti che assaggerete baccalà come non lo avete mai cucinato prima, con l’ausilio di un noto ortaggio…

direttrice scuola di cucina med cooking school Antonella Ricci
La direttrice della scuola di cucina Med Cooking School, Antonella Ricci

E ancora le pettole, tipiche dell’otto dicembre, giorno dell’Immacolata, in Puglia, per non dimenticare le tradizioni così importanti anche nei ristoranti degli chef stellati.

Scoprirete cos’è un silp, come si tagliano i funghi alla brunoise, il segreto per rendere proteica l’aria di ceci!

Sapevate ad esempio che esiste una clorofilla di prezzemolo?

Sono ancora aperti i corsi per il menù di Natale e per il menù di San Silvestro. In quell’occasione al centro ci saranno:

– Insalata di granchio alle mele murgine con il suo aceto e crumble di pane e pomodoro

· Raviolini del Plin al tartufo bianco

· Scaloppa di pesce bianco in camicia di melanzana e sughetto ristretto di granchio al curry.

– Filetto di Salmone selvaggio marinato all’ Aneto e insalatina d’inverno alle sferette di aceto balsamico

· Anolini farciti al Grana Padano, taglio sartorile 20 mesi, in brodo di cappone allo zenzero

· Costolette di agnello in briciole di taralli, schiacciatina di patate e carciofi con salsa d’agnello limone e timo.

Come nella prima occasione, ai fornelli ci sarà Antonella Ricci.